Post Recenti

CERCA

martedì 29 novembre 2016

Tavola periodica degli elementi


La tavola periodica degli elementi con illustrazioni che riportano l'impiego dei singoli elementi nella vita quotidiana.


approfondimento:

Tavola periodica INTERATTIVA (LINK)


Pagine sull'argomento "Tavola periodica degli elementi" a cura di Massimo Corbucci:

http://www.mednat.org/new_scienza/corbucci_Gen_2008.pdf

http://www.atomo112.info/download/Nuova_Tavola_Periodica.pdf


Volontà dei figli o desideri repressi dei genitori

immagine prelevata dalla pagina: frasicelebri.it
I genitori sono la fonte di protezione, rassicurazione, accoglienza e amore incondizionato che agiscono per il bene dei figli e favoriscono la loro crescita, soddisfando i loro bisogni e favorendo l’acquisizione dell’autonomia


La coppia genitoriale e’ composta da due individui distinti, che vivono, agiscono e pensano a seconda del grado di consapevolezza e di maturazione affettiva emotiva che hanno raggiunto

E’ possibile distinguere genitori sani ed equilibrati che allevano i loro figli amandoli in modo nutriente e responsabile, riconoscendoli come esseri viventi a se’ stanti. Sono consapevoli dei loro punti di forza e dei loro limiti, desiderosi di migliorarsi e di ascoltare i propri figli per garantire loro una vita equilibrata ed emotivamente soddisfacente.
I genitori affetti da problemi psicologici, da nodi esitenziali irrisolti, da dipendenze e da patologie psichiatriche, situazione molto diffusa piu’ di quanto si possa immaginare, manifestano ogni giorno nella relazione con i figli il loro disagio sotto forma della manipolazione affettiva.
Essere genitori non implica avere la capacita’ di amare consapevolmente i propri figli, un genitore e’ colui che genera i figli fisicamente o li adotta ma sono solo le singole persone che attribuiscono un significato autentico a questo ruolo.
Coloro che pur essendo genitori, vivono nella relazione con i figli le loro ferite infantili, si caratterizzano per un alto grado di immaturita’ che crea un clima emotivamente tossico nella famiglia.
La profonda confusione tra i bisogni dei figli e i bisogni infantili dei genitori che si comportano ancora come bambini con la loro prole, e’ alla base del processo di manipolazione affettiva che si innesta sul bisogno di accudimento che ogni bambino ha.
Un bambino ha bisogno della presenza e dell’assistenza di almeno un adulto per fare fronte ai propri bisogni, il genitore in quanto adulto deve adeguarsi alle esigenze dei figli e non viceversa. I bambini hanno bisogno di sentirsi amati, l’amore deve essere manifestato in modo chiaro, non ambiguo, con parole e gesti coerenti tra loro, hanno bisogno di una guida e di protezione, di genitori che mantengono le promesse e danno la possibilita’ ai figli di esprimere i loro sentimenti negativi e positivi.
Il sentimento piu’ importante che un bambino puo’ e deve provare e’ la fiducia in se stesso che affonda le sue basi nell’amore, nell’approvazione dei genitori, nella percezione del proprio corpo e nell’accettazione di se’.
I figli che non si sentono amati, non attribuiscono la mancanza di amore ai genitori ma a se stessi, si sentono in colpa di avere fatto qualcosa che ha portato il genitore ad allontanarsi da loro e si sentiranno inadeguati e non amati.
Pur di ricevere amore un bambino arriva a negare le proprie emozioni, ad adeguarsi a tutti i tipi di richieste dei genitori, riducendosi a mendicare l’amore. Secondo la psicologa Kathya Bonatti, i bambini non amati cercano in ogni modo di rendere felici i genitori, adeguandosi alle loro richieste e modificando il proprio sentire nella speranza di essere riconosciuti.
In questo caso si parla di “bambini ammaestrati” che secondo la Bonatti rimangono legati ai genitori solo compiacendoli ed illudendosi attraverso la dipendenza di essere amati. Questi bambini domani saranno adulti che mendicheranno amore e cercheranno l’appagamento emotivo all’esterno, si aspetteranno che i loro bisogni vengano soddisfatti da un’altra persona, nell’attesa di essere continuamente nutriti.

La psicologa Kathya Bonatti distingue due tipi di cause all’origine delle ferite emotive di un bambino:

Cause omissive

Si intendono mancanze, assenze, carenza di attenzioni riscontrabili sin dalla nascita, mancanza di cure igieniche che comportano sofferenze e ferite nei bambini. Tra queste cause si annovera anche l’assenza di contatto, calore, carezze, scarso o nessun ascolto, prestare poca attenzione, non sostenerli nelle loro scelte e non sottolineare il loro valore. Tutto questo crea dei veri “buchi emotivi” che vanno a minare l’autostima del figlio.

Cause commissive

Sono comportamenti di natura violenta sia fisica che psichica messi in atto volontariamente. Le violenze psicologiche sono quelle che vengono attuate senza forza fisica ma il cui effetto e’ altrettanto devastante, sono esercitate attraverso la comunicazione verbale e non verbale, punizioni, denigrando i figli con il sarcasmo, l’ironia, sminuendo i loro obiettivi e sforzi, facendo paragoni, riversando su loro la propria insoddisfazione e rabbia.
Tra le cause commissive sono annoverate altri tipi di violenza tra cui le violenze energetiche,quando i bambini non subiscono ne violenza fisica ne psicologica diretta ma vivono in una condizione di terrore costante, minacciati da eventi imprevedibili come quando hanno genitori alcolisti. Sia le cause omissive che quelle commissive sono all’origine della manipolazione affettive e mentali.
“Le manipolazioni affettive e mentali sono un tipo di interazioni che hanno lo scopo di influenzare gli altri senza che questi se ne rendano conto. Sono attuate tramite le parole, i comportamenti e gli atteggiamenti, i pensieri e le discussioni” (K. Bonatti).
Nello specifico della relazione genitori-figli la manipolazione e’ molto facile da mettere in atto perche’ i bambini sono dipendenti fisicamente ed emotivamente dai genitori ed assorbono tutte le informazioni che provengono da loro senza metterle in discussione ma le considerano una inconfutabile verita’ anche se contraddetta dai fatti.

Si possono annoverare quattro tipologie di manipolazione:

Manipolazione omissiva: si attualizza attraverso comportamenti omissivi perpetrati dal padre o dalla madre o da entrambi con azioni come il “non dire”o il “non fare” attraverso le quali i genitori conseguono i loro obiettivi svalutativi nei confronti dei figli. (Es. non coccolare, non ascoltare i figli, interromperli quando parlano, non prendersi cura di se stessi, facendo arrivare ai figli il messaggio che essi non sono cosi’ importanti).

Manipolazione commissiva

I genitori mettono in atto tale manipolazione per ottenere un loro tornaconto personale di tipo psicologico, sociale, economico. (I genitori che spingono i figli a sposarsi per avere nipoti, li usano come mezzo per dare un senso alla loro vita a prescindere dai desideri dei figli.
I genitori che inviano messaggi ambigui e ambivalenti ai figli chiedendo due cose opposte, distruggono l’autostima dei figli che si sentono incapaci di raggiungere due obiettivi in antitesi. I genitori che creano rivalita’ tra i figli, che impediscono il raggiungimento dell’autonomia economica ed affettiva, che criticano le loro scelte del partner).

La manipolazione raffinata

Questo tipo di manipolazione e’ preceduta da un atteggiamento di generosita’ e di attenzione per i figli per cui e’ difficile da riconoscere. (Es. quando i genitori hanno garantito il benessere ai loro figli pretendono poi che questi li ripaghino soddisfacendo i loro bisogni, confidare ad uno dei figli di essere il preferito il quale poi si sente di non avere il diritto di chiedere altro.
Oppure lodare un comportamento dei figli che va ad esclusivo vantaggio dei genitori come usare i figli come parafulmine per i problemi coniugali, piuttosto che richiedere comprensione dei figli quando questi svolgono professioni di tipo medico, legale, ecc).

Il vittimismo

E’ il tipo di manipolazione grazie a cui i manipolatori si auto vittimizzano per raggiungere i loro scopi. ( Es. quando un genitore trascura la propria salute per lamentarsi ed attirare l’attenzione del figlio, chiedere sempre aiuto per cose che potrebbero fare da soli). Il vittimismo permette di controllare i figli senza chiedere loro nulla in modo adulto, diretto, non assumendosi la responsabilita’ delle loro richieste.

Il senso di colpa

E’ il modo principale per controllare i figli e mantenere il potere su di loro facendoli sentire in colpa per qualunque motivo, l’obiettivo ultimo e’ far si che loro non sentano mai i loro bisogni ma siano sempre sintonizzati su quelli dei genitori.

Ricatti affettivi

Tipico esempio di questo tipo di manipolazione e’ la frase: ”se non fai questo mamma o papa’ non ti vuole piu’ bene”. In questo tipo di manipolazione il genitore si dipinge come un martire e il figlio deve salvarlo in ogni modo per non farlo stare male, compiacendolo completamente e negando i propri bisogni e desideri.
I genitori che adottano questo tipo di manipolazione presentano ai figli il conto di quanto hanno dato loro, per cui i figli sentono che non hanno ricevuto dai genitori in modo incondizionato e si adeguano alla richiesta di restituire quello che hanno ricevuto. (Es. la madre non ha abortito per cui il figlio deve essere grato; la madre si e’ sacrificata per cui i figli devono starle vicino;il padre e’ infelice per cui i figli devono rendergli la vita piu’ vivibile).
Quando la manipolazione e’ attuata con un figlio piccolo, questi non sapendo cosa significhi “essere cattivo” ma lo apprende in base al significato che i genitori attribuiscono a questa affermazione, congela le proprie emozioni e si adegua completamente al volere genitoriale per non perdere l’oggetto d’amore.
Quando la manipolazione avviene con i figli adulti, questi a causa del ricatto emotivo, non riescono ad esprimere la rabbia verso i genitori per paura di far loro del male.
Tali dinamiche rimangono sempre uguali anche quando i figli diventano adulti, perche’ la paura della perdita ha congelato le emozioni al periodo in cui sono avvenute le manipolazioni, per cui le reazioni che gli adulti mettono in atto sono le stesse che adottavano quando erano piccoli.

sabato 26 novembre 2016

Quello che vedi è il riflesso di ciò che hai dentro di te (neuroni specchio)

Ogni volta che guardi il mondo, stai guardando anche dentro di te. Lascia fluire i tuoi pensieri e cerca di non bloccarli. Accetta quello che arriva. Tutto questo sarà incredibilmente liberatorio.



Se vedi un cane o un gatto mentre amoreggiano con i loro proprietari, questo ti farà intenerire e non potrai fare a meno di sorridere. Sappi che sei stato tu a creare questa esperienza. La stessa cosa avviene quando ti trovi ad avere una lunga e noiosa discussione con una persona cara rispetto allo stesso tema che sembra ripetersi più volte, come un disco rotto. Nessuno di voi due è disposto, o in grado, di prendere semplicemente l’ago a posizionarlo sul vinile in una posizione che renderà la musica piacevole invece che continuare a far uscire un rumore stridente, che svuota. Anche se è difficile da riconoscere, ti sei creato questa esperienza. Allora domandati se c’è qualcosa che ti preoccupa, se ti senti triste per qualcosa, sei hai dei pensieri negativi. Guardandoti dentro comprenderai dei tuoi meccanismi interni. Lavorandoci starai meglio tu e di conseguenza chi ti sta vicino.

fonte immagine: sites.psu.edu (tramite ricerca google immagini)

Neuroni specchio

Tutto ha a che fare con il fatto che, come suggeriscono gli antichi insegnamenti spirituali, questo mondo è semplicemente un’esperienza olografica basata sulla coscienza, o, come i ricercatori hanno recentemente scoperto nel campo delle neuroscienze, è il modo in cui i neuroni specchio rispondono alla testimonianza di eventi.

I neuroni specchio sono cellule cerebrali che rispondono allo stesso modo quando compiamo un’azione o quando vediamo qualcun’altro effettuare la stessa azione. Essi sono stati proposti per il substrato neuronale sottostante da una vasta gamma di funzioni diverse.

I neuroni specchio sono stati scoperti nei primi anni 90, quando un gruppo di ricercatori italiani ha trovato singoli neuroni nel cervello dei macachi che si comportavano allo stesso modo, sia quando le scimmie afferravano un oggetto, sia quando guardavano un altro primate afferrare lo stesso oggetto.

I neuroni specchio ci fanno sentire come se fossimo impegnati nello stesso atto che osserviamo al di fuori di noi.

Il Neuroscienziato Giacomo Rizzolatti, MD, presso l’Università di Parma, è stato il primo ad identificare i neuroni specchio. Rizzolatti afferma che queste cellule del cervello aiutano a spiegare come e perché “leggiamo” la mente degli altri e proviamo empatia per loro. Se si guarda un’azione e l’esecuzione di tale azione può attivare le stesse parti del cervello, allora ha senso che guardare l’azione. L’esecuzione di una certa azione potrebbe anche suscitare gli stessi sentimenti nelle persone. Ma questo va un passo oltre la scienza moderna, che ancora non è pronta ad ammetterlo.

Se prendiamo le implicazioni dei neuroni specchio e la risposta del cervello agli stimoli che arrivano dal di ‘fuori’ e poi li accoppiamo con una comprensione del karma, questo sarà semplicemente il modo più coerente in cui il nostro cervello tende a pensare, allora possiamo capire meglio come ogni esperienza inizia e finisce dentro di noi.

Il modo in cui vedi gli altri è sempre un riflesso di come ti vedi tu, non in modo metaforico, ma in modo fisiologico.

I tratti caratteriali che vedi negli altri, se riesci ad ammetterlo, sono anche i tratti caratteriali prevalenti dentro di te. Se sperimenti per lo più calma, se sei centrato e felice, rifletterai il tuo stato d’animo più positivo. Se al contrario sperimenti per lo più agitazione e dramma, rifletterai situazioni negative, esattamente anche quello che pensi di te stesso a livello subconscio più profondo. Quanto prima potrai venire a patti con le emozioni a specchio negli altri, tanto prima potrai annullare stati d’animo ed reazioni negative. 

Ecco un esercizio semplice e veloce per vedere solo ciò che lo specchio ti sta mostrando su di te ‘là fuori’:

In primo luogo, prendi un pezzo di carta e senza pensarci troppo, scrivi tre persone che ammiri, di cui sei attratto, e sotto, le dieci qualità su di loro che ti piacciono. Ora, fai la stessa cosa con tre persone con cui trovi difficoltà ad andarci d’accordo. Non pensare troppo e non cercare di analizzare quello che stai facendo fino a quando l’esercizio non sarà completato. Ora fai lo stesso con tre esperienze della tua vita, sia positive che negative. Elenca dieci motivi sotto ogni esperienza che hanno causato un risultato positivo o negativo.

Ora guarda i risultati. Quello che vedi qui è un elenco di tutte le caratteristiche più comuni, questo sei tu e come hai scelto di definire finora nella tua vita.


I sutra dello yoga forniscono versi simili per ‘pulire lo specchio’ così che si può osservare chiaramente, i modi in cui si sta creando il nostro mondo.

La meditazione, per esempio, ci aiuta a vedere quello che stiamo creando, svelando le nostre reazioni e nostri atteggiamenti. Una trasformazione virtuosa può accadere quando seguiamo il percorso otto volte, come indicato da Patanjali, di yama, o vincoli etici come la scelta di non mentire o rubare, così come niyamas, che ci aiuteranno a sperimentare la bellezza di tutto quello che vediamo. Pratyahara, o ritiro dei sensi, ci permette di vedere i nostri cinque sensi e come essi ci tengono trincerati in una esperienza esteriore, di solito facendoci dimenticare che tutte le cose che sono state create all’interno.


Come i neuroni specchio ribadiscono, è l’antica saggezza in cui noi generiamo le nostre azioni e le nostre risposte alle azioni degli altri.

Come ha scritto Heyes: “I neuroni specchio affescinano i ricercatori e gli scienziati, che celebrano questo come una ‘rivoluzione’ nella comprensione del comportamento sociale … è la forza trainante ‘dietro’ il grande balzo in ‘avanti’ nell’evoluzione umana …”.

Negli anni ‘80 un gruppo di ricercatori dell’Università di Parma condotti da Giacomo Rizzolatti scoprì i neuroni mirror. Aneddoticamente si narra che, come altre scoperte scientifiche importanti, anche questa avvenne per caso. Un ricercatore aveva installato dei microelettrodi sensori nel cervello di una scimmia (nella parte più superficiale, la “corteccia”) raggiungendo dei neuroni che si attivavano quando la scimmia prendeva un’arachide da una ciotola. Ad un certo punto, casualmente, lui stesso prese un’arachide dalla ciotola sotto gli occhi della scimmia e, del tutto inaspettatamente, i rivelatori di attività crepitarono: i neuroni della scimmia si erano attivati. Quei medesimi neuroni, che si attivavano quando la scimmia afferrava un’arachide, lo facevano anche quando ad afferrare l’arachide era il ricercatore e la scimmia non si muoveva.
Questo fu sorprendente, perché a quel tempo si riteneva che le sensazioni si formassero nella corteccia della metà posteriore del cervello, e i movimenti nella metà anteriore. Ad esempio, quando vediamo un oggetto, si attivano neuroni della corteccia vicina al polo posteriore del cervello, nel cosiddetto lobo occipitale. Quando udiamo un suono, neuroni della parte postero-inferiore del cervello, il lobo temporale. Quando tocchiamo un oggetto, neuroni della parte più anteriore della metà posteriore del cervello, il cosiddetto lobo parietale. Viceversa, quando ci muoviamo, sia che muoviamo una mano o un braccio o una gamba o articoliamo la parola, si attivano neuroni collocati nella corteccia della metà anteriore del cervello, i cosiddetti lobi frontali, in aree dette “motorie” e “premotorie”.
Ebbene, i neuroni della scimmia in cui il ricercatore aveva inserito i microelettrodi sensori erano neuroni delle aree premotorie, nella metà anteriore del cervello; nessuna meraviglia quindi che si attivassero quando la scimmia attuava il movimento di prendere un oggetto. Grande meraviglia, invece, che si attivassero anche quando la scimmia vedeva l’uomo afferrare un oggetto. Appartenendo alla metà anteriore del cervello, quei neuroni erano supposti essere neuroni motori: non ci si aspettava che si attivassero anche per un evento squisitamente sensoriale come il vedere un altro (in questo caso addirittura un individuo di un’altra specie!) compiere quel movimento. Quei neuroni risultarono essere anche piuttosto specifici: non si attivavano di fronte ad altri tipi di movimento, ma solo all’afferrare in quello specifico modo (con la punta delle dita).
Era questo il primo esempio di neuroni che reagivano sia ad un movimento che ad una sensazione, collocati in zone del cervello che tutti credevano puramente deputate al muoversi.
I ricercatori avevano scoperto i neuroni mirror o neuroni specchio, neuroni che si attivano sia quando l’individuo compie un’azione, sia quando egli vede compiere quell’azione. Sono insomma neuroni che si attivano sia per cause sensoriali (vedere l’azione) che per finalità motorie (compiere l’azione).

Quanti specchi?
Una decina d’anni dopo, l’avvento della risonanza magnetica funzionale consentì di confermare la presenza di analoghi neuroni nell’uomo, e di scoprire che nella corteccia del lobo parietale vi sono altri neuroni che si attivano simultaneamente ai primi alla vista o al rumore (come strappare un foglio di carta) di certi movimenti. Sebbene tutti questi neuroni, diversamente dai primi, non siano dei neuroni specchio in senso stretto, poiché non si attivano sia per percezioni che per movimenti, per il loro evidente collegamento funzionale con i primi hanno originato l’idea di un sistema mirror allargato, a cui abbastanza ovviamente è stato dato il nome di “sistema dei neuroni specchio”.
Tutto questo è realtà oggettiva. I neuroni che fanno quelle cose esistono, ed esiste il sistema dei neuroni specchio. 
A cosa serva questo sistema è invece, finora, solo speculazione.
Nel tempo sono state proposte diverse ipotesi, di astrazione via via crescente. Una delle prime ipotesi fu che i neuroni specchio potessero servire all’apprendimento per imitazione. Successivamente si passò all’ipotesi che la funzione del sistema mirror fosse quella di prevedere e comprendere le azioni dell’altro, e contribuire così alla costruzione di quella che è chiamata Teoria della Mente, che detta in termini semplici può essere espressa come: “se un altro fa quello che faccio io o quello che mi aspetto che faccia, forse pensa anche come me”. Da qui il passo era ormai breve verso l’idea oggi prevalente, in grande voga grazie anche al suo indubbio fascino, che il sistema dei neuroni specchio serva all’empatia, all’immedesimarsi con l’altro.
In realtà tutte queste ipotesi, seppur in misura crescente dalla prima all’ultima, mettono l’accento solo sugli aspetti sensoriali del sistema dei neuroni specchio. Questo non stupisce, considerando che la reale sorpresa dei primi neuroni specchio, quelli “veri”, dei lobi frontali, fu proprio la presenza in essi di funzioni sensoriali oltre che motorie; e che i neuroni successivamente scoperti nei lobi parietali non sono veri neuroni specchio, ma neuroni sensoriali. Tuttavia questa deriva rischia di perdere di vista la vera, fondamentale importanza dei primi neuroni specchio, e cioè che si tratta di neuroni contemporaneamente sensoriali e motori. Ogni ipotesi sulla natura di questi neuroni non dovrebbe assumere a priori le funzioni motorie come secondarie, ma dovrebbe invece spiegare come e perché funzioni motorie e sensoriali debbano qui coesistere addirittura a livello di singolo neurone. Per comprendere le azioni di un altro non è certo indispensabile compiere, o aver compiuto, o saper compiere, quelle medesime azioni. Riconosciamo che uno davanti a noi sta suonando la chitarra, o sparando a un bersaglio, o facendo surf, anche senza averlo mai fatto. Questo riconoscimento può quindi essere compiuto anche da neuroni puramente sensoriali, non dotati di alcuna funzione motoria. 
In più, quando si parla di empatia, si dovrebbe tenere conto che il termine “empatia” si attaglia essenzialmente alle emozioni; che le emozioni sono comunicate soprattutto da comportamenti automatici, involontari, istintivi, come le espressioni del viso, il pianto, il riso; e che questi comportamenti automatici sono prodotti essenzialmente da neuroni non della corteccia, tanto meno della corteccia motoria o premotoria quali i neuroni specchio. I neuroni specchio riguardano azioni volontarie, intenzionali, non l’espressione delle emozioni. Il massimo aggancio alle emozioni pensabile per questi neuroni è il riscontro che alcuni di essi si attivano per certi movimenti della bocca (legati però essenzialmente al mettere in bocca e al succhiare).
Certamente le emozioni sono dotate di una grande valenza imitativa, sono “contagiose”: vedere qualcuno piangere può farci inumidire gli occhi; veder ridere a crepapelle può far cominciare a ridere anche noi; e via dicendo. Ma questo non implica alcune relazione con i neuroni specchio scoperti. Di fatto, quale grande empatia ci suscita veder prendere un’arachide (o qualsiasi altro oggetto)? 
E infatti, nonostante il gran fermento di ricerche prodotto dall’ipotesi che i neuroni specchio servano all’empatia, in realtà nessuna dimostrazione, nessuna prova, è finora emersa a sostegno di questa ipotesi. Tutto invece, come vedremo fra poco, lascia pensare che i neuroni specchio abbiano poco a che fare con l’empatia. Tentare d’interpretarli innanzitutto come i “neuroni dell’empatia” allontana probabilmente dal comprendere tanto essi quanto l’empatia. 

Una spiegazione alternativa
Ma allora questi neuroni specchio a cosa possono servire? Esiste un’ipotesi capace di spiegare la loro duplice natura, sensoriale e motoria, ed il loro legame con il movimento intenzionale?
Tale ipotesi esiste, anzi già esisteva prima della scoperta dei neuroni specchio. I neuroni specchio trovano una collocazione del tutto naturale nel modello proposto da questa ipotesi, e a loro volta la rafforzano, costituendone di fatto la prima conferma sperimentale. L’ipotesi è la cosiddetta ipotesi di movimento “a modello inverso” (inverted model), che ora proveremo a spiegare.
Se prima di muovere un braccio per afferrare qualcosa ci soffermiamo un attimo ad “ascoltare” la nostra attività mentale, che tipo di comandi stiamo per inviare al braccio, ci accorgiamo che in effetti quel che facciamo immediatamente prima di muoverci è immaginare (“vedere” e “sentire”) il nostro braccio durante e al termine del movimento, una sorta di “anticipazione” delle conseguenze sensoriali del movimento. 
Possiamo allora ipotizzare che la volontà di attuare un movimento possa consistere nell’immaginare preliminarmente le sensazioni che riceveremmo da quel movimento, e passare queste sensazioni immaginarie desiderate a certe parti del sistema nervoso, che “traducano” quelle sensazioni desiderate nelle opportune attivazioni muscolari capaci di determinare quel movimento.
I neuroni capaci di operare tale “traduzione” sarebbero i neuroni delle aree premotorie e motorie della corteccia cerebrale, che attuerebbero la cosiddetta “trasformazione sensori-motoria”: la traduzione di una combinazione di attivazioni neuronali rappresentante sensazioni in una combinazione di attivazioni di altri neuroni rappresentante (e capace di determinare) un movimento. 
Tali neuroni raggiungono questa capacità non grazie a proprietà particolari, ma per semplice apprendimento dall’esperienza motoria nell’arco della vita. Infatti in ogni momento il sistema nervoso riceve informazioni sensoriali dal corpo: informazioni visive, tattili, e propriocettive (le sensazioni dai nostri muscoli, tendini e articolazioni). Questo naturalmente vale anche quando ci muoviamo. Ogni volta che ci muoviamo, automaticamente e inconsciamente il sistema nervoso “impara” quali sensazioni (visive, propriocettive, tattili, ed eventualmente anche uditive) corrispondono a quelle particolari attivazioni muscolari che hanno determinato quel dato movimento. Questo apprendimento lo compiamo soprattutto nella prima infanzia, con i movimenti casuali e non coordinati del bambino detti “motor babbling”, anche se persiste per tutta la vita ed è quello che ci permette di imparare movimenti sempre più complessi come nello sport e nelle arti, e di continuare a muoverci efficacemente anche in caso di cambiamenti fisici.
L’ipotesi “a modello inverso” assume che, attraverso quelle medesime esperienze di movimento, il sistema nervoso impari anche l’opposto: non solo quali sensazioni conseguono alle varie possibili attivazioni muscolari, ma anche quali attivazioni muscolari corrispondono a quelle sensazioni, cioè quali attivazioni muscolari generano il movimento che ricrea quelle sensazioni. Allora per attuare un movimento volontario basterebbe semplicemente immaginare preliminarmente le sensazioni corrispondenti a quel movimento, e passare queste sensazioni immaginarie desiderate agli opportuni neuroni, che per esperienza hanno imparato quali muscoli attivare, e come attivarli, per riprodurre quel movimento e di conseguenza quelle sensazioni. 
Dopo la prima infanzia tutto questo è appreso ormai talmente bene da risultare essenzialmente automatico: generalmente non abbiamo la percezione d’immaginare il movimento prima di compierlo. Ma se, come già detto, ci soffermiamo invece ad “ascoltare” quali comandi stiamo per inviare a una parte di corpo prima di muoverla, ci accorgiamo che in effetti quel che facciamo è immaginarla (vederla e sentirla nel pensiero) compiere quel movimento.

Il desiderio in azione
Il punto centrale di questa ipotesi è che la volontà formula i suoi ordini, e li trasmette al sistema motorio, in “codifica sensoriale”, cioè sotto forma di sensazioni desiderate. Il sistema motorio s’incarica poi di tradurre queste sensazioni desiderate nelle opportune attivazioni muscolari capaci di renderle reali (“trasformazione sensori-motoria”), e attraverso i nervi trasmette quelle attivazioni ai muscoli, la cui contrazione genera infine il movimento fisico. Tutto questo avviene in alcune centinaia di millisecondi, la cui maggior parte è occupata dalla contrazione muscolare e dalla messa in moto dei segmenti corporei.
In questo modello è indispensabile che i neuroni che attuano la trasformazione sensori-motoria dei comandi dalla volontà debbano ricevere e così “conoscere” anche le sensibilità dal corpo, poiché se così non fosse non potrebbero imparare a quali movimenti corrispondono le varie sensazioni, non “comprenderebbero” la codifica sensoriale. Sono quindi neuroni che si attivano sia per stimoli sensoriali legati ai movimenti, sia per produrre movimenti: esattamente come fanno i neuroni specchio.
Questo modello è in grado di spiegare non solo i movimenti elementari come portare il braccio da una posizione ad un’altra, ma anche comportamenti più complessi, come “ora mangio una di quelle arachidi”. In questo caso l’obiettivo finale posto dalla volontà (“mangiare una di quelle arachidi”) è tradotto da una catena di neuroni (o meglio di gruppi di neuroni) dapprima nelle singole azioni, ancora abbastanza complesse, atte a conseguirlo (“prendere un’arachide, mettermela in bocca, masticarla, e ingoiarla”); poi ciascuna di queste azioni è a sua volta tradotta nei movimenti più elementari che la compongono (ad es. “prendere un’arachide” si compone di: “estendere il braccio verso la ciotola”, “estendere la mano”, “allargare le dita”, “abbassare la mano”, “stringere la punta del pollice, dell’indice ed eventualmente del medio intorno a un’arachide”, “rialzare la mano tenendo le dita ferme”); e infine ciascuno dei movimenti elementari così selezionati è tradotto nelle singole contrazioni dei muscoli che lo eseguono. 
In questa catena di traduzioni successive ogni gruppo neuronale riceve dal gruppo del livello precedente-superiore il comando in forma sensoriale, seleziona quali azioni più elementari sono atte ad eseguirlo, e trasmette al livello successivo le azioni selezionate, ancora in forma sensoriale. Solo i neuroni dell’ultimo livello, quelli che inviano i comandi al midollo (e da lì ai muscoli), possono essere considerati esclusivamente motori e non sensori-motori. I gruppi a più alto livello (“prendere un’arachide”) possono invece addirittura essere considerati contenere (codificare) l’idea, il concetto dell’azione corrispondente.
I neuroni specchio si trovano lungo questa catena. Anzi, poiché tutti i neuroni della catena (tranne l’ultimissimo livello) sono neuroni sensori-motori, potremmo dire che tutti i neuroni della catena sono neuroni specchio. Dovremmo allora anche aspettarci di trovare neuroni specchio dotati di proprietà diverse, nel senso che alcuni di essi (quelli dei livelli inferiori) si attivino solo per le azioni e i movimenti effettivi dell’individuo; altri (quelli dei livelli superiori, che “contengono” il concetto di un’azione piuttosto che la sua effettiva esecuzione da parte dell’individuo) siano attivabili anche dal semplice vedere o udire l’azione, anche quando effettuata da un altro.
Ebbene, le ricerche degli ultimissimi anni hanno confermato questa aspettativa (per una rassegna di tali ricerche e delle loro conseguenze concettuali v. Casile, Caggiano e Ferrari, 2011). Sono stati trovati neuroni specchio che si attivano solo quando la mano che compie il gesto è nello spazio peripersonale del soggetto (cioè quando la mano, da un punto di vista puramente visivo, potrebbe appartenere al soggetto), e neuroni specchio che si attivano quando il sistema braccio-mano è visto dal soggetto come se appartenesse a se stesso. Questi riscontri, in un primo tempo considerati sconcertanti e paradossali dai ricercatori orientati alle possibili funzioni “esterne” dei neuroni specchio come imitazione, teoria della mente, empatia, stanno gradualmente riportando l’attenzione degli scienziati sull’importanza dei neuroni specchio nel movimento del singolo individuo, proprio come sopra descritto.


Articolo realizzato utilizzando pubblicazioni prelevate dalle pagine:
http://it.anahera.news/mente-scienza-pensieri
http://www.scienzaeconoscenza.it

sabato 12 novembre 2016

La bufala dell' effetto serra

Effetto Serra - Zichichi svela la Truffa 
Creata dal "Nuovo Ordine"
L'Effetto Serra? "Non l'ha provocato l'uomo ma la natura.
E tutti noi dobbiamo ringraziare che esista".
fonte: ricerca tramite google immagini

Roma – Il surriscaldamento globale e l'effetto serra colpa dell'uomo e dell'eccessiva produzione di anidride carbonica? Una bufala colossale. Così l'emerito professor Antonino Zichichi, intervenuto al Viest hotel nell'ambito di un convegno organizzato dall'eurodeputato Sergio Berlato. "L'effetto serra non l'ha certo creato l'uomo, bensì la natura e dobbiamo solo ringraziare che esista, altrimenti la vita sul nostro pianeta non potrebbe esserci, visto che le temperature non sarebbero compatibili con la nostra sopravvivenza, ha dichiarato lo scienziato, presidente del Wfs. Non esistono prove scientifiche che il genere umano incida sui fenomeni di cui parla chi lancia l'allarme sugli effetti terrificanti del riscaldamento globale. Servirebbe una matematica molto più raffinata di quella che conosciamo per fare certe affermazioni." Prima di parlare i cosidetti esperti dovrebbero essere sicuri di avere le prove.

Nessun Fondamento Scientifico – Ma dietro, tanti interessi 

Com'è possibile, allora che tutti i governi a livello mondiale prendano ogni giorno decisioni fondamentali, che incidono sulla vita quotidiana di tutti noi, basandosi su dichiarazioni che non hanno alcun fondamento scientifico rigoroso? La questione è stata al centro del dibattito sul tema "La posizione dell'Europa sulla bufala del surriscaldamento globale", al quale hanno preso parte anche il giornalista e scrittore Riccardo Cascioli e il senatore Altero Matteoli."Stiamo spendendo miliardi di risorse per effettuare investimenti atti a ridurre la produzione di anidride carbonica, anche se non è detto che ce ne sia bisogno", ha spiegato Zichichi. "Se fosse vero tutto quello che ambientalisti e meteorologi si affannano a proclamare, terrorizzando gli abitanti dell'intero pianeta sugli effetti deleteri sui nostri comportamenti sul clima - ha aggiunto - io e i miei colleghi del Cern di Ginevra avremmo già chiuso i laboratori. Dove sono le prove scientifiche di tali dichiarazioni?", si chiede lo scienziato di fama internazionale, che aggiunge: "Prima di parlare, i cosidetti esperti dovrebbero essere sicuri di dimostrare la veridicità delle loro affermazioni in maniera sperimentale, inataccabile. Invece, con le conoscenze attuali, nessuno, al giorno d'oggi è in grado di spiegare con una teoria scientifica rigorosa nemmeno come si formano le nuvole o come si è originato il deserto del Sahara". Il motore meteorologico, secondo lo studioso, non l'ha certo creato l'essere umano, ma l'ha trovato così com'è. Tanto che, "negli ultimi 500 milioni di anni, la Terra ha visto sciogliersi ben quattro volte le calotte di ghiacci che ricoprono i poli, che poi si sono riformate da sole, senza che l'uomo influisse in alcun modo su tale processo". A che pro, allora, continuare a investire capitali destinati a raggiungere obiettivi che sembrano, alla luce di tali rilevazioni, irraggiungibili?


Un Inganno Ideologico proteso a controllare il mondo ed orientarlo 

L'allarme è diventato un'ideologia che obbliga all'uso di fonti energetiche più costose. "In questi giorni in Europa è stata approvata una delibera in materia di compravendita dei diritti sulle emissioni di anidride carbonica - ha spiegato Berlato - e, come altre direttive comunitarie e normative nazionali, si tratta di disposizioni destinate a condizionare enormemente gli stili di vita di tutti i cittadini e delle imprese. E' giusto che le aziende, già in forte difficoltà, si trovino costrette ad affrontare elevati costi per adeguarsi a tali normative, se non esiste alcuna prova scientifica che il surriscaldamento globale abbia un fondamento di verità? L'allarme sul riscaldamento globale è diventata un'ideologia politica, che obbliga all'uso di fonti più costose e meno efficienti, aumentando le spese e facendo perdere competività".

mercoledì 2 novembre 2016

Non si potrà mai affermare l'esistenza degli alieni, altrimenti il gioco è finito


Questo articolo e quasi troppo bello per non essere una bufala. Un alto funzionario della NASA ha presumibilmente detto qualcosa di più sugli alieni. Numerosi cacciatori di alieni, siti web, appassionati di UFO e blog non parlano d’altro. Il direttore di Astrofisica della NASA, a quanto pare insinua, non solo gli alieni esistono, ma la NASA sa che esistono e che il resto dell’umanità avrebbe dormito molto meglio senza conoscere realmente cosa c’è la fuori.
Sul canale YouTube UFOMania è stato pubblicato un video che mette in evidenza una dichiarazione apparentemente fatta da Paul Hertz, direttore di Astrofisica alla NASA. Mentre non è ancora provato che Hertz abbia realmente fatto questa dichiarazione, gli appassionati di alieni stanno cercando di divulgarlo ovunque. Se autentica, la dichiarazione è allettante, ma allo stesso tempo è un po’ inquietante. Se non è una dichiarazione effettiva di Hertz, la citazione “non siamo soli” colpisce ancora tutti i punti salienti per aprire un reale dibattito.


Come si può vedere su Imgur, Paul Hertz, apparentemente esasperato dall’insistenza del pubblico, parla di alieni. La NASA rilascia poche dichiarazioni, e sicuramente sui prossimi annunci si evince chiaramente che non annuncerà nulla per quanto riguarda la scoperta di vita aliena.

MA OGNI VOLTA CHE FACCIAMO UNA DICHIARAZIONE ALLA STAMPA, INEVITABILMENTE SI PENSA CHE SI STIA PARLANDO DI ALIENI TRA LE RIGHE. ORA VI SVELO IN UN PICCOLO SEGRETO. LA NASA LETTERALMENTE NON POTRÀ MAI TENERE UNA CONFERENZA STAMPA CHE ANNUNCI CHE ABBIAMO SCOPERTO GLI ALIENI.


Ora, se questa non è una informazione bomba per coloro che sperano nel primo contatto, un incontro ravvicinato o la ricerca di esseri alieni nella loro vita, non so cos’altro si aspettino.

Hertz presumibilmente afferma che se gli alieni decidessero di visitare apertamente la Terra, non sarà possibile e non avremmo il tempo di approntare una conferenza stampa, egli ha dichiarato che probabilmente finirà tutto “in un lampo bianco e caldo, nel cielo e luci spente “Dopo aver contemplato l’immaturità dell’umanità. Egli prosegue affermando:
SIAMO FONDAMENTALMENTE DEI BAMBINI E QUANDO GLI ADULTI APPAIONO … IL GIOCO È FINITO, IL GENERE UMANO DOVREBBE PULIRE SÉ STESSO E LA TERRA PRIMA CHE LI ALIENI PULISCANO IL PIANETA PER NOI”. VOLETE UN ANNUNCIO SUGLI ALIENI? IO FAREI ATTENZIONE A CIÒ CHE SI DESIDERA. VOI NON CONOSCETE LE REALI INTENZIONI DI QUESTE POSSIBILI CIVILTÀ, POTREBBERO NON ESSERE COSÌ CORDIALI.




Attualmente, La NASA o altra agenzia non ha mai presentato alcuna evidenza o documentazione che suggerisca che la vita aliena esiste. Questo non significa che non esiste, ma secondo me significa solo che nessuno si preoccupa di documentare la popolazione a riguardo

Articolo prelevato dalla pagina: nuovouniverso.it (LINK)

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...